fbpx

Cerca

Tag Archives:
mozambico

Fuori dal mondo a Murrebuè: Mozambico selvaggio

Murrebuè, un puntino minuscolo in mezzo al nulla, dall’alto si vedono solo palme e spiaggia. Nient’altro. Solo il blu del mare, il giallo della spiaggia intervallato qua e là da qualche puntino di verde. Così mi era apparso su Google Maps la prima volta che l’avevo cercato, mossa dalla curiosità.

È in questo angolo di natura selvaggia, completamente fuori dalla civiltà, che mi ha portato il mio viaggio nel nord del Mozambico. Un paese immenso, sterminato e in gran parte dominato da una natura inviolata, un paese dove il turismo di massa non è ancora arrivato (e dove spero non arrivi mai, anche se la vedo dura), dove la lingua portoghese che si incontra con l’africanità rende tutto più dolce, più familiare.

READ MORE

Ilha de Moçambique, l’antica capitale del Mozambico amata dai poeti

Eccolo, ci siamo! È con la stessa emozione di un bambino che vede per la prima volta il mare che mi sporgo dal finestrino per salutare l’Oceano Indiano, con emozione e attesa. Ho lasciato due giorni prima il Malawi, atteso con pazienza il visto per entrare in Mozambico, attraversato villaggi e paesaggi incredibili, ed eccomi arrivata alla mia destinazione finale: Ilha de Moçambique, nel nord del Mozambico.

Ecco finalmente le spiagge di sabbia bianchissima, le palme, l’acqua azzurrissima dell’oceano e il famoso ponte di 3 km che collega Ilha de Moçambique con la terraferma.

READ MORE

Destinazione Mozambico del Nord: il racconto del mio viaggio

L’ufficiale che mi sta di fronte mi fa cenno di appoggiare il dito indice. Poi mugugna qualcosa e mi indica lo sgabello dietro di me. Mi siedo, guardo attraverso la webcam e click, la foto è fatta. La stampa e me la mostra quasi a chiedermi se è di mio gradimento: come visto per il mio passaporto andrà benissimo.

Abbiamo appena lasciato il Malawi e ci troviamo alla frontiera di Milange, nella provincia della Zambesia, Mozambico del nord. Dopo un paio d’ore di attesa burocratica in un ufficio in cui il tasso di umidità è ben al di sopra della nostra soglia di sopportazione, ci vengono finalmente ridati i passaporti: finalmente siamo liberi di entrare in Mozambico! Da adesso in poi basta eredità coloniale inglese, si comincia a parlare portoghese. E tutto appare subito diverso.

READ MORE